1a.jpg2a.jpg3a.jpg
English French German Italian Portuguese Russian Spanish

Eremo

 

 Intorno al 1764 il bisogno di custodire la sacra immagine, tanto venerata dal popolo fece nascere l’idea di un caseggiato accanto alla chiesa, alla sacrestia da una scala, che arriva ad un corridoio, lungo il cui lato destro si aprono cinque cellette  da usare come abitazione di uomini pii che custodissero la chiesa e ne assicurassero il culto nel tempo.

Nasce così  l’ Eremo  costruito interamente con le donazioni del popolo Bisacquinese,  come si era fatto precedentemente con il Santuario.

Il padre degli eremiti fu Vincenzo Adorno,  il primo fortunato a vedere la luce levarsi dal monte triona e poi l’immagine della Madonna, che volle dedicare e consacrare la sua intera vita a Lei. All’ Adorno successero molti altri ai quali veniva datogli il nome di  “chierici “; essi in seguito non si mostrarono degni del loro compito, sicché apparve necessaria  una riforma.

L’ amministratore del Santuario del tempo, Giovanni Collura , sostituì i “chierici” con gli “Eremiti”. Essi  assunsero un  abito di colore marrone, stretto ai fianchi da una cintura di cuoio con uno scapolare azzurro , adorno dalla parte del cuore d’una placca con il nome di Maria. Gli eremiti, oltre al dovere  custodire la chiesa, avevano il compito di fare la Questua nelle campagne nei  dintorni: a seconda della stagione, raccoglievano grano, vino, olio, ecc. che serviva per mantenere il culto nella chiesa e per il sostentamento proprio e dei pellegrini che accorrevano numerosi, anche dei paesi vicini.

Nel tempo si sono succeduti tanti eremiti fino ad arrivare al Frate Antonio Ferlisi. in seguito venne custodito da un laico, Vincenzo Oddo, con il quale si è così interrotta l’antica tradizione che voleva come custodi solo religiosi, dal primo luglio 2014 a custodire il santuario è un laico, Gaspare Guarino.

 

  

 

 

Dalla sacrestia dove sono presenti un guardaroba, un armadio antico, un lavabo in marmo alcuni ex-voto e ritratti di benefattori alle pareti ecc. si accede, tramite una scala a due rampe  al primo piano dell’Eremo: sul lato  sinistro si intravede   il fianco della montagna, e cioè le pietre sapientemente murate a forma di grotta; in cima alla scala si snoda un corridoio lungo e stretto;più vicino alla scala ci sono  due stanze destinate alla Rettoria, e di seguito cinque celle già arredate, ancora dopo il refettorio, la cucina bene arredata con un forno a legna ancora oggi funzionante. Tre sono i servizi igienici. In fondo si apre un ampio salone, utilizzato da Radio Monte Triona finché trasmetteva, ma oggi da poter usare come sala convegni o sala pranzo nelle occasioni di incontri religiosi. Al pianterreno  si allineano tre vani: il primo adiacente alla chiesa adibito a negozio per la vendita di oggetti sacri , il secondo adibito a magazzino, il terzo verrà adibito a Cappella delle confessioni.

 

Il terrazzo sull’arco d’ingresso fu costruito in un secondo tempo, precisamente nel 1883, da bravi artigiani di quel tempo:  esso è tutto in pietra a facce vista, ed è stato   ristrutturato,da poco. Dal corridoio tramite una porta si arriva al terrazzo dove si può godere di un panorama da mozzafiato: infatti , si vede tutta la vallata sulla si affacciano circa dieci paesi e, proprio di fronte, l ‘Abbazia di Santa Maria del Bosco. I cancelli quello di entrata  e quello della cripta sono stati cambiati qualche anno fa perché arrugginiti: commissionati e pagati interamente da un nostro compaesano per grazia ricevuta sono stati realizzati da un bravo artigiano locale con metodo antico, ossia senza saldature.   L’artigiano che ha realizzato i due cancelli, alla fine dei lavori, ha voluto fare omaggio della ringhiera del terrazzo della porta d’ingresso principale della chiesa, nel 1986.

 

 L’Eremo, da poco tinteggiato e ripulito,può servire come punto d’appoggio di pernottamento per i  tanti pellegrini e  perciò adatto ad un turismo religioso, soprattutto  in occasione del

 

Grande Evento che ricorda L’ anniversario  del 350° della manifestazione

                 della Madonna del Balzo e  del primo Miracolo da lei compiuto”.

 

 In preparazione di tale evento l’Arcivescovo di Monreale  Michele Pennisi ha indetto

 con un suo decreto :

“L’ Anno Mariano Giubilare”

      che ha avuto inizio il 15 Agosto del 2013  e che si concluderà il 15 Agosto del 2014.

      Tutti coloro che si recheranno in pellegrinaggio al Santuario “Madonna del Balzo”potranno beneficiare dell’indulgenza plenaria secondo le intenzioni della chiesa.

1 a
Detail
1 b
Detail
1
Detail
2 a
Detail
2 c
Detail
2
Detail
3 a
Detail
7n
Detail
8n
Detail
7 a
Detail
6n
Detail
3 b
Detail
9n
Detail
3
Detail
4 a
Detail
4 b
Detail
4
Detail
5
Detail
6
Detail
7 c
Detail
 
 
Powered by Phoca Gallery
Sito realizzato da MULTIMEDIA MANSELLA 2013